I consigli dell’ASL per combattere le temperature elevate

I consigli dell’ASL per combattere le temperature elevate

Ci siamo: il gran caldo è arrivato e sta interessando, per il momento, soprattutto l’Italia centro-settentrionale. Ma le temperature sono piuttosto alte anche al Sud, naturalmente.

L’Asl di Taranto ha diramato un’allerta proprio per i giorni centrali di questa settimana, pubblicando sul sito un opuscolo con una serie di consigli pratici per arginare i rischi legati al clima. Contenuti rivolti alle fasce più deboli della popolazione: anziani, bambini e neonati, persone non autosufficienti e persone che svolgono un’intensa attività fisica.

Una breve sintesi delle indicazioni presenti nell’informativa Asl, che si consiglia di leggere integralmente alla pagina https://www.sanita.puglia.it/documents/36057/79219957/Opuscolo/30407005-d291-4e73-87ae-8cb5129c8ea8, abbraccia i diversi ambiti della quotidianità.

Per quel che attiene l’ambiente domestico, l’Azienda Sanitaria Locale suggerisce di arieggiare le stanze nelle ore più fresche della giornata e chiudere le finestre in quelle centrali, quando la posizione del sole è tale da rendere le strade cittadine roventi e quasi impraticabili. In quella fascia oraria, tenendo le finestre chiuse e le tapparelle abbassate, il calore si tollera più facilmente, anche in assenza di un impianto di condizionamento dell’aria. 

Se si esce, sempre evitando le ore più calde del giorno (dalle 11 alle 18), è bene adottare un abbigliamento leggero e proteggere la pelle con una crema idratante, con filtri solari. Per i capi da indossare, è preferibile scegliere le fibre naturali, come il lino e il cotone e privilegiare i colori chiari: il bianco vince su tutti, perché riflette i raggi solari, a differenza del nero che li assorbe. 

Al rientro, la doccia è meglio farla tiepida. E comunque bagnarsi il viso e le braccia con acqua fresca, più volte durante il giorno, aiuta a tenere bassa e costante la temperatura del corpo. 

Bere almeno due litri di acqua al giorno, salvo diversa prescrizione del medico, è un consiglio valido per tutti. Così come è meglio, sia per i giovani, sia per gli adulti e soprattutto per le persone di una certa età, non consumare alcolici, se non in determinate occasioni. In presenza di alcune patologie l’uso dell’alcol è assolutamente vietato, tanto più in estate. 

Consumare invece frutta e verdura in grandi quantità è sicuramente un comportamento corretto. Chi prende farmaci, durante le giornate più calde, dovrebbe conservarli in un luogo fresco e asciutto. Una prescrizione da seguire tutto l’anno, che diventa ancora più stringente nel periodo estivo. Infine occorre stare attenti ai segnali che il corpo invia: crampi muscolari, vertigini e tachicardia suggeriscono che il caldo e l’umidità in eccesso stanno minando l’equilibrio dell’organismo. In caso di malessere, è sempre bene rivolgersi al medico.  


Condividi:

Iscriviti alla nostra Newsletter